VONGOLE VERACI A RISCHIO SE CAMBIA IL CLIMA

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
A dirlo uno studio dell'Istituto nazionale di Oceanografia e di Geofisica sperimentale e del Centro internazionale di Fisica teorica

Le vongole veraci sono sensibili ai cambiamenti climatici: sbalzi di temperatura dell’acqua e meno plancton a disposizione, danneggiano il loro habitat e ne mettono in crisi la crescita. Lo rivela uno studio effettuato da Donata Melaku Canu, Cosimo Solidoro e Gianpiero Cossarini dell’Ogs (Istituto nazionale di Oceanografia e di Geofisica sperimentale) e Filippo Giorgi del Centro internazionale di Fisica teorica. Lo studio ha preso in esame un’area test della laguna di Venezia (550 metri quadrati), si è basato su simulazioni che mettevano in rapporto un particolare modello atmosferico regionale e l’ecosistema locale. Due le finestre temporali analizzate dagli studiosi, relative a un periodo di trent’anni: la prima riguarda il periodo 1961-1990, mentre la seconda riguarda le decadi 2071-2100. Dieci, invece, le aree lagunari esaminate, scelte sulla base delle attività dedicate all’acquacoltura. Si è dimostrato come l’acquacoltura, che anche in Friuli Venezia Giulia rappresenta un’importante fonte di reddito, potrebbe subire danni se il clima dovesse cambiare. Secondo gli autori, che ribadiscono come il presente risultato sia frutto di una simulazione matematica, le conclusioni dello studio dovrebbero indurre a una gestione più mirata delle politiche future. Cambiando il clima cambia pure il regime delle piogge; di conseguenza si modifica il trofismo del sistema (cioè le dinamiche connesse al nutrimento) e con esso la capacità del sistema stesso di sostenere la produzione di vongole veraci. Questi molluschi bivalvi, oltre a essere fonte di reddito per la popolazione locale perché attività importante che si affianca al turismo, contribuiscono a conservare e tramandare quel patrimonio di conoscenze che lega le genti della laguna al proprio territorio e al mare. Ben 4500 ettari di laguna, infatti, sono dedicati alla venericoltura, con oltre 2500 addetti.http://www.ogs.trieste.it

Tags