MIRANESE E RIVIERA: I NUOVI CASSONETTI FANNO… LA DIFFERENZA

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Nei sei comuni dove si è installato il sistema a calotta, i risultati stanno dando ragione

Aumenta la percentuale di raccolta dei rifiuti differenziati tra il Miranese e la Riviera del Brenta nei sei comuni che hanno installato il cassonetti a calotta per il secco. Secondo i dati Veritas, la crescita è, in media, superiore al 7 per cento. Il risultato migliore lo fa registrare chi ha completato l’installazione in tutto il territorio, a partire da Santa Maria di Sala, passata dal 46,8 per cento del 2010 e dal 54,9 per cento del 2011 al 67,9 per cento del primo semestre del 2012. Poi Martellago (arrivato al 70,9 per cento dal 55,6 per cento del 2010 e dal 63,2 per cento del 2011) e Spinea che ha raggiunto il 62,7 per cento (51,9 per cento nel 2010, 55,4 per cento nel 2011). A Mira, dove le calotte sono state installate sul 30 per cento del comune, la differenziata è arrivata al 58,4 per cento (47,8 per cento nel 2010, 53 per cento nel 2011), a Scorzè (25 per cento del territorio coperto) al 60,9 per cento contro il 52,6 per cento del 2010 e il 54,5 per cento del 2011. A Mirano, con il 20 per cento del territorio comunale dotato di cassonetti con il nuovo sistema di apertura, la percentuale di differenziata è passata dal 47 per cento del 2010 e dal 52 per cento del 2011, al 57,9 per cento del periodo gennaio-giugno 2012. http://www.gruppoveritas.it