LA PROVINCIA APPROVA LE OSSERVAZIONI DELLA PIATTAFORMA DI ALTURA DI MALAMOCCO

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Dalla Vecchia: «Serve una visione d’insieme, una valutazione complessiva e cumulativa degli impianti»

Il Consiglio provinciale ha approvato le osservazioni sul progetto sottoposto a Valutazione d’impatto ambientale (Via) nazionale e relativo alla realizzazione di una piattaforma di altura (terminal offshore) al largo di Malamocco, proposto dal Magistrato alle acque di Venezia. «La legge speciale per Venezia del 1984 – spiega l’assessore all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia – prevedeva uno studio di fattibilità relativo a opere necessarie per evitare il trasporto nella laguna di petrolio e derivati. Negli ultimi trent’anni si sono succedute opere volte alla difesa della città di Venezia dalle maree eccezionali (Mose); progetti riguardanti la portualità e l’attività crocieristica. Si sono evolute le condizioni di produttività del polo industriale di Marghera, si pensi ad esempio anche alla cessazione dell’attività di raffinazione del greggio. Ciò considerato, la realizzazione oggi del terminal plurimodale off-shore al largo della costa di Venezia appare tardiva e prescinde da una visione d’insieme e da una valutazione complessiva (anche in termini di costi-benefici) e cumulativa degli impianti». Tra le osservazioni prodotte dai tecnici della Provincia anche la richiesta di “verificare il dimensionamento del terminal petrolifero e delle relative pipeline alla luce della conversione della raffineria Eni di Porto Marghera in cui è prevista la cessazione dell’attività di raffinazione del greggio”. http://www.provincia.venezia.it