IN ITALIA SI SPENDONO OGNI ANNO 1,5 MILIARDI DI EURO PER IL DISSESTO IDROGEOLOGICO

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Lo rivela uno studio di Federutility, che fissa in oltre 69,5 miliardi gli euro spesi dal 1962 al 2011

Il dissesto idrogeologico dell’Italia, costa ogni anno 1,4 miliardi di euro, mentre dal 1962 al 2011, frane, alluvioni e valanghe sono costate 69,5 miliardi di euro. I numeri arrivano dal “Rapporto generale sulle acque: obiettivo 2020” redatto da Federutility. Lo studio ha riunito e analizzato le ricerche che negli ultimi anni sono state realizzate da Istat, Protezione civile, Ispra, Cresme e altri soggetti pubblici e privati. Alla fine è emerso un quadro preoccupante, secondo cui dei circa 30 mila chilometri quadrati di aree “ad alta criticità idrogeologica” il 7,5 per cento è in territori montuosi e collinari e il 19 per cento sono su aree pianeggianti. Sono quelle stesse aree che in cinquant’anni, dal 1962 al 2011, hanno prodotto 4.082 morti, 83 dispersi, 2.851 feriti e 437.390 sfollati e senza tetto, con un costo economico per strutture e infrastrutture dissestate di 62,4 miliardi. Se a questi aggiungiamo il costo totale per le perdite umane e per i feriti, si superano i 69,5 miliardi di euro. http://www.federutility.it