IL FUTURO DEL LAVORO È… RINNOVABILE

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Per Greenpeace, fra quindici anni, due terzi della forza lavoro sarà attiva in questo settore

Nei prossimi anni, si prevede uno sviluppo notevole a livello occupazionale nel settore dell’energia rinnovabile. Nel 2030, infatti, ben il 65 per cento della forza lavoro sarà proprio in questo comparto. A stabilirlo è il report di Greenpeace “Energy [R]evolution 2012”. Secondo lo studio, con l’abbandono delle fonti fossili, ci sarebbe un calo significativo dell’inquinamento, sarebbe migliorata l’efficienza energetica e in un anno, ci sarebbe un risparmio globale di 1320 miliardi di dollari. Per Greenpeace, si dovranno sfruttare le risorse come il vento, il sole e la geotermica, con una serie di piccoli impianti sparsi in tutto il territorio.  http://www.energyblueprint.info