IL CONSIGLIO PROVINCIALE APPROVA LE OSSERVAZIONI AL PROGETTO ENI A PORTO MARGHERA

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Il progetto di conversione comporterà una diminuzione complessiva dei possibili impatti sull’ambiente

Il Consiglio provinciale ha approvato le osservazioni al progetto sottoposto a Valutazione di impatto ambientale (Via) nazionale, proposto da Eni relativo alla conversione da ammoniaca anidra a gas di petrolio liquefatto dell’impianto di stoccaggio al parco serbatoi ovest a Porto Marghera. In sintesi, si afferma che «il progetto di conversione comporterà una diminuzione complessiva dei possibili impatti sull’ambiente; in particolare la sostituzione dell’ammoniaca con gpl/propano eliminerà lo scenario di rischio relativo al rilascio di sostanze tossiche. Il gpl/propano infatti, contrariamente all’ammoniaca non presenta caratteristiche di tossicità. Il gpl/propano risulta invece estremamente infiammabile, pertanto l’adeguamento tecnologico dell’impianto è soggetto alle procedure derivanti dal decreto legislativo numero 334/99 per la prevenzione dei rischi da incidenti rilevanti che risultano in corso. Essendo l’area all’interno del sito d’interesse nazionale “Porto Marghera” tutte le attività di progetto dovranno essere realizzate in pieno coordinamento con le procedure di messa in sicurezza e bonifica attualmente in corso. Il transito delle autobotti (stimate nell’ordine di 22 unità al giorno nel periodo di picco) dovrà avvenire su strade ad alta capacità evitando l’agglomerato urbano di Marghera».