Assessorato alle Politiche Ambientali - Educazione Ambientale

   

Protocollo d'intesa ambiente ruralità e turismo tra Provincia e Veneto Agricoltura

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Iniziative di educazione ambientale gratuite alla scoperta delle oasi naturalistiche e delle zone rurali della provincia veneziana

Da diversi anni la Provincia di Venezia collabora con l’Azienda regionale Veneto Agricoltura, basti ricordare - tra gli altri – i recenti progetti riguardanti Vallevecchia di Caorle e quello realizzato nella riserva Integrale di Bosco Nordio a Chioggia; i due enti sono infatti impegnati insieme con un’azione sinergica ed integrata nella realizzazione di iniziative di educazione naturalistica ed ambientale, con l'obiettivo di favorire nel territorio la conoscenza degli ambiti di Vallevecchia e di Bosco Nordio, con il loro immenso patrimonio di specie animali e vegetali. Veneto Agricoltura avrà il compito, sempre in collaborazione con la Provincia, di realizzare ulteriori iniziative turistiche, ambientali, di educazione naturalistica ed agroalimentare da svilupparsi sull’intero territorio provinciale veneziano, ma utilizzando come punti di animazione territoriale e di competenza i propri centri di educazione naturalistica di Vallevecchia a Caorle e di Bosco Nordio a Chioggia; i due enti si avvarranno di esperti giá convenzionati e selezionati per la gestione dei centri, ma anche di qualificati operatori, che saranno individuati sulla base di specifiche competenze. Tutte le iniziative attuate grazie al protocollo oggi siglato e offerte ai visitatori e alle scolaresche saranno gratuite; l’impegno finanziario deliberato dalla Provincia di Venezia è di 28 mila euro.

Presidente Zaccariotto: «Abbiamo un territorio meraviglioso, costituito da un patrimonio ambientale unico, da grandi oasi naturalistiche e innumerevoli corsi d’acqua, ancora poco noto: perché non continuare a promuoverlo e valorizzarlo? Questo protocollo d’intesa è il risultato di un ottimo lavoro portato avanti in sinergia con Veneto Agricoltura, che ha un duplice obiettivo, quello di tutelare le bellezze del nostro ambiente, e di promuovere il turismo nel nostro territorio, un turismo sostenibile, attento all’ambiente, rispettoso e interessato alla conoscenza delle tipicità dei luoghi sia naturalistiche, sia in termini di prodotti della filiera agroalimentare».

Amministratore unico Paolo Pizzolato: «Si allarga una collaborazione già in atto da tempo con la Provincia per la promozione del territorio. Con questo accordo riusciremo a valorizzare e a far conoscere meglio anche ai cittadini della provincia veneziana Vallevecchia a Caorle e il Bosco Nordio a Chioggia. Queste zone sono infatti per lo più sconosciute. Il bosco di Chioggia è costituito da 190 ettari di realtà lagunare, con esemplari faunistici unici in Europa, la Valle di Caorle sono altri 900 ettari su cui stiamo sperimentando molteplici iniziative a favore dell’agricoltura e del risparmio energetico».

Assessore Giorgia Andreuzza: «Attraverso quella che diventerà la nuova “green card” della Provincia di Venezia metteremo a sistema tutte le iniziative rivolte al turismo, a beneficio soprattutto del turismo nord europeo particolarmente interessato e sensibile ad una offerta di qualità e rispettosa dell’ambiente».

Assessore Paolo Dalla Vecchia: «L’aspetto più significativo è che questa iniziativa non è rivolta solo al turista ma anche alle famiglie, agli anziani, agli alunni delle scuole. Noi abbiamo una validissima rete di centri di educazione ambientale, con cui collaboriamo ogni giorno. Con questo accordo riusciremo quindi a rafforzare la conoscenza, la cultura e l’impegno a preservare questi veri e propri “giacimenti ambientali” per le future generazioni».

Assessore Lucio Gianni: «E’ un positivo lavoro di squadra della nostra Giunta che offre concrete risposte al territorio, e che coinvolgerà anche il mondo dell’agricoltura e dell’agriturismo. Avremo la possibilità di far conoscere il mondo dell’agroalimentare e di recuperare quindi il collegamento con il territorio, le tradizioni del Veneziano e i suoi prodotti tipici».